La rappresentazione cartografica: un approccio visivo per comprendere il nostro ambiente
M. Caterina Porcu - Angela De Lucia
Descrizione: Il progetto nasce dall'esigenza di coinvolgere gli allievi con bisogni speciali in attività che li rendano protagonisti del loro apprendimento all'interno della classe di appartenenza. La scelta dell'argomento è determinata in primo luogo dall'interesse che i bambini mostrano durante le lezioni di storia, geografia, scienze, soprattutto se legate ad esperienze pratiche di contatto con il territorio. Le rappresentazioni cartografiche permettono di interpretare la realtà in cui i bambini sono inseriti e attraverso la percezione e la memoria visiva arrivare a comprenderne aspetti culturali e sociali. In questo modo è possibile programmare attività per manipolare la realtà e stimolare la creatività offrendo ad ogni alunno l'occasione di essere costruttore delle proprie conoscenze. Inoltre, possono essere utilizzati linguaggi diversi per lo sviluppo di abilità espressive e di capacità di osservazione e discriminazione sviluppando e consolidando, tra l'altro, abilità di base come la percezione e l?orientamento spaziale e temporale. Gli alunni saranno portati alla realizzazione di progetti individuali e di gruppo sfruttando le risorse che hanno a disposizione: da quelle sensoriali, con emozioni e sentimenti, attraverso quelle intellettuali, con curiosità, attenzione e ragionamento, per arrivare infine a quelle sociali con comunicazione, responsabilità, autonomia ed intraprendenza.

Area/e disciplinare/i: Area scientifica
Area antropologica/scientifica
Livello scolare: Scuola Primaria
classe quarta
Età: 9 anni
Tipo disabilità: Problemi di comunicazione e relazione

Ora ti trovi in: Home/Consultazione-lista percorsi/scheda percorso
Mappa percorso

La metodologia

Si ipotizza questa modalità di lavoro:

  • predisposizione di materiale per la ricerca di informazioni su testi/on line da parte dei docenti
  • utilizzo del materiale predisposto da parte degli alunni: in classe e nel laboratorio di informatica
  • raccolta e produzione di documentazione grafica, fotografica e multimediale, con discussioni e confronto di opinioni
  • predisposizione di schede illustrative per l’istituzione di percorsi didattici
  • utilizzo della postazione internet da parte degli alunni in maniera autonoma, con l’insegnante che fa da mediatore/facilitatore
  • lavori di gruppo per rielaborazione materiale
  • lavori individuali di verifica di quanto presentato
  • utilizzo del software didattico per comprenderne il funzionamento

Per le attività proposte  verranno stabiliti questi indicatori di qualità:

Interdipendenza: mrelazione di dipendenza tra le attività

Interdisciplinarietà: problemi visti da diversi punti di vista, in contemporanea

Ricerca – insieme: decisionalità affidata agli alunni, con mediazione degli insegnanti ed eventualmente di esperti

Cooperazione: collaborazione tra alunni e tra insegnanti ed esperti

Apertura: disposizione ad affrontare ed organizzare le attività tenendo conto delle diverse opinioni

Documentazione: divulgazione di quanto prodotto

Impegno: attivo interessamento alle attività

Cambiamento: ricaduta sulle discipline, sul comportamento degli alunni, degli insegnanti, dei genitori

Flessibilità: capacità di accettare i diversi punti di vista e di confronto tra di loro e quindi, se Valorizzazione delle differenze: capacità di affrontare situazioni conflittuali con assunzione di responsabilità necessario, modificare un percorso già stabilito

Criteri di Verifica

Incontri settimanali durante la programmazione di classe per il confronto tra insegnanti per la valutazione degli interventi e delle strategie applicative attuate.

Valutazione della soddisfazione degli alunni con questionari

Per ogni attività è prevista la compilazione di schede in cui verranno registrate le attività proposte, i tempi previsti, gli indicatori di performance e i risultati ottenuti.

Discussione con gli alunni.

Questionari da proporre ai genitori per comprendere se c’è stato un passaggio di informazioni tra scuola e famiglia

Relazione riassuntiva finale da sottoporre al Dirigente Scolastico, al Consiglio di Interclasse di plesso, al Collegio Docenti

Gli strumenti

Si prevede l’utilizzo di:

  • strumenti multimediali : video cassette, computer, postazioni internet
  • programmi operativi: word, exell, power point
  • software didattico: Mio Mondo Web
  • programma di grafica
  • macchina fotografica digitale
  • materiale cartaceo: libro di testo, atlanti, ...

I tempi

Le diverse attività si svolgeranno durante le normali lezioni delle attività curricolari.

Durante le lezioni c'è sempre la presenza in classe anche dell’insegnante di sostegno o dell’operatrice socio-educativa.

Si lavorerà al progetto durante le ore di compresenza delle insegnanti curricolari delle classi: 2 ore a settimana.