Attraverso i 5 sensi per abbracciare il mondo
Bettina Ambrosini Sara Ghiringhelli AnnaRosa Manfreda
Descrizione: Questo percorso viene proposto ad un bambino di origine peruviana affetto da ?Sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico con tratti autistici?. Scopo dell'esperienza è di far immergere Gianluca,attraverso una serie di stimolazioni, veicolate da ciò che ama e che lo attrae, nella realtà che lo circonda.

Area/e disciplinare/i: Area espressivo-motoria

Livello scolare: Scuola Primaria

Età: 7 anni
Tipo disabilità: Problemi di comunicazione e relazione

Ora ti trovi in: Home/Consultazione-lista percorsi/scheda percorso
Mappa percorso

Focus integrazione

Per realizzare l'integrazione di Gianluca, ovvero per una strategia di "inclusione" capace cioè di trovare risposte al suo Bisogno Educativo Speciale, stiamo attivando le seguenti risorse:

L'organizzazione scolastica

L'orario delle insegnanti di classe, dell'insegnante di sostegno e dell'educatrice comunale sono studiati per attivare compresenze, classi aperte soprattutto nei momenti laboratoriali (laboratori espressivi, informatica...) per permettere a Gianluca, come ai suoi compagni, gruppi di lavoro eterogenei, proposte didattiche laboratoriali molteplici e capaci di potenziare competenze trasferibili.

Gli spazi

Gianluca ha a disposizione un banco con una superficie di lavoro doppia rispetto a quella dei compagni.

Questo gli permette di lavorare in gruppo, accogliere compagni anche in maniera estemporanea, lavorare con materiali manipolativi e con il computer portatile.

Il concetto di laboratorio è quindi quello di un luogo "mentale" lo spazio è sempre ben attrezzato per permettere attività varie, talvolta anche estemporanee.

Il gruppo classe

I compagni sono amici di Gianluca, lo aiutano nelle attività motorie così come a compiere gesti quotidiani. Apprezzano d'altro campo la sua grande abilità nell'approcciare il computer, nell'orientarsi tra menù e tendine, il suo approccio naturale all'informatica. Anche il talento creativo e grafico-pittorico del compagno vengono apprezzati in modo spontaneo. Il compagno, come tutti noi, ha bisogno di attenzione ma sa dare contributi al lavoro, al gruppo; ne è parte attiva e fattiva.

Il contributo della famiglia

La famiglia dell'alunno è composta oltre che dai genitori da fratelli più grandi sensibili ai bisogni di Gianluca e disponibili ai colloqui, così come a guidarlo nell'utilizzo di materiali informatici (la scuola ha fornito un cd di So.Di.Linux alla famiglia che lo utilizza insieme a Gianluca), così come a favorirne la partecipazione alle gite scolastiche e alle feste.

La formazione e la didattica

Il gruppo di insegnanti consapevoli dell'impegno di organizzazione e progettazione mettono in atto strategie per documentarsi e per attivare una didattica che parte dal quotidiano, dai problemi che l'alunno si trova ad affrontare e risolvere. La scoperta di strategie, e da questo punto di vista il software come laboratorio virtuale offre risorse importanti, è la chiave della partecipazione sempre più attiva e consapevole.

I percorsi educativi

Vengono attivati sia percorsi educativi e didattici comuni alla classe, dove i compagni svolgano una funzione di tutoring, sia una didattica individuale con rapporto individuale uno a uno, con l'educatore, l'insegnante o con un compagno.

Le attività educative sono rivolte sia al raggiungimento dell'autonomia personale nelle attività quotidiane (vestirsi, cambiarsi per l'educazione motoria, riordinare il materiale) sia per lo sviluppo di competenze comunicative interpersonali

(a cura di Bettina Ambrosini)