Il territorio come laboratorio didattico in cui trovare stimoli per la ricerca, la riflessione, la sperimentazione di problemi
Liliana Pauci Busardò - Rosaria Amante
Descrizione: Analisi del territorio cittadino e valutazione degli spazi verdi presenti. Lo studio intrapreso negli anni precedenti è lo spunto per portare avanti il nostro percorso che ha lo scopo una volta individuata una area verde studiarla in tutte le sue componenti: rilevarne la vivibilità, lo stato di salute del verde, elaborare i dati, presentare risultati e proporre miglioramenti.

Area/e disciplinare/i: Area scientifica, Area tecnico professionale
Scientifica e tecnica
Livello scolare: Scuola secondaria di I° grado

Età: 11-13
Tipo disabilità: Disturbi specifici dell'apprendimento

L'ipotesi

La proposta è rivolta ad una seconda media con 25 elementi in cui è inserito un alunno con disturbo specifico dell'apprendimento di letto-scrittura e tratti di immaturità psicofisica.

Per D. spesso l'interpretazione delle parole è resa impossibile dalle difficoltà di visualizzarle globale.

È un ragazzino socievole che ha imparato a riconoscere le proprie difficoltà ed è stato aiutato a rivedere la sua immagine attraverso la lente della positività. "Ora sa di poter fare".

Ha imparato a usare mappe e schemi per "leggere" gli argomenti trattati e il disegno per migliorare la comprensione.

I sw didattici vengono usati per migliorare le abilità di lettoscrittura e in questo percorso saranno i facilitatori dell'apprendimento

Obiettivi formativi

  • Educare alla tutela dell'ambiente e alla cittadinanza
  • Conoscere le principali problematiche legate all'ambiente e all'inquinamento
  • Riconoscere il ruolo delle ecotecnologie
  • Osservare e rilevare raccoglie informazioni chiare e complete,
  • Leggere e comprendere alcuni semplici disegni tecnici, in particolare planimetrie del territorio

I contenuti

  • inquinamento acustico, atmosferico, del suolo, dell'acqua.
  • (cause, effetti, soluzioni possibili)
  • elementi di chimica generale
  • rapporti e proporzioni
  • uso di grafici

Focus integrazione

D. è pienamente inserito nel gruppo classe, lo scopo di questo percorso è fargli conoscere e utilizzare altri software ampliando in tal modo le capacità di espressione, comunicazione, socializzazione e di apprendimento.

"L'apprendimento aperto" e "flessibile" che riguarda ogni processo formativo  è caratterizzato dai seguenti  indicatori:

  • l’offerta individualizzata di messaggi educativi differenziati in relazione alla diversità degli allievi e dei contesti sociali;

  • l’autonomia-responsabilità degli allievi nelle fasi del processo formativo (analisi dei bisogni, progettazione, percorsi di realizzazione, valutazione);

  • la mediazione all'apprendimento, la guida metodologica e il sostegno da parte dei tutor che di volta in volta possono essere assunti dalla figura del docente o dell'alunno.

La metodologia

  • induttiva deduttiva
  • lavoro individuale
  • lavoro collettivo, a piccoli gruppi

Gli strumenti

  • P.C. multimediale
  • macchina digitale
  • sw freemind

I tempi

settembre-dicembre 2006

Esperienza

L’esperienza didattica è stata impostata sulla metodologia della cooperative learning, tutti gli alunni hanno collaborato da protagonisti e hanno contribuito alla costruzione del percorso in modo personale ed originale.
Nei gruppi autoindividuati, si sono alternate le figure di tutor e tutee, ciò ha consentito di restringere il campo delle variabili che sottendono l’apprendimento, dando a ciascuno la misura della propria autoefficacia e promuovendo il sentimento di esistenza ( gli altri mi vogliono?) che spesso limita le prestazioni a causa di un processo di disistima dell’individuo. In questo processo, sia le situazioni problematiche che le difficoltà anche oggettive, sono state affrontate e superate usando strategie diversificate sempre condivise con l’intero gruppo.
In assetto laboratoriale, gli alunni, inizialmente hanno ricercato informazioni on line, effettuato esperimenti di chimica, volti a misurare il tasso di inquinamento nell’ambiente, esaminato le forme geometriche anche mediante il software cabri.
Anche se dal punto di vista dell’accessibilità si sono riscontrate delle difficoltà collegabili oltre che all’uso del pc, alla poca dimestichezza con i software utilizzati, l’integrazione scolastica è stata raggiunta, D. ha seguito con entusiasmo la proposta e ha costruito tabelle usando word, ha ricercato informazioni su internet, individuando quelle significative al suo lavoro e, costruito mappe, sotto la guida di un tutor , usando in modo essenziale freemind. Infine così come gli altri compagni ha prodotto delle slide rappresentative di tutto l’argomento trattato utilizzando powerpoint .
L’attività proposta in questi termini si è dimostrata più accattivante, motivando anche i più refrattari, che hanno dato il loro contributo per la ricerca degli argomenti da approfondire e si sono prestati in prima persona a trovare soluzioni alternative funzionali ad affrontare situazioni e momenti critici.
La scelta di alternare i diversi software è stata di tipo metodologico al fine di evitare la monotonia della ripetitività
preparazione all'uscita didattica
Attività principale

Descrizione:

Gli alunni saranno guidati allo studio del quartiere in cui si trova la scuola e degli spazi verdi che la circondano attraverso le "carte"

valutandone i diversi aspetti: bioarchitettura, naturalistico, sviluppo compatibile.

Obiettivi specifici di apprendimento:

  • Orientarsi in una planimetria
  • Leggere una mappa
  • ingrandire e ridurre in scala
  • Individuare gli spazi verdi presenti nel territorio.
  • Analizzare le caratteristche e classificarle secondo i diversi criteri :
    1. materiali,
    2. vegetali,
    3. inquinamento,
    4. criteri razionali di arredo urbano,
    5. barriere architettoniche,
    6. illuminotecnica.

Strumenti e risorse:

Materiale cartaceo
  • tuttocittà, planimetrie
  • mappe del territorio
Personal computer / Periferiche
  • Pc, stampanti
  • videocamera
  • scanner
  • fotocamera
Software

office

cabri

Altro

possibili materiali x riproduzione carta lucida, penne a inchiostro di china, retini e fondini, tagliaretini, simboli trasferibili di arredo urbano, materiale per disegno e progettazione

Documentazione:

  • diario di bordo
  • questionari di monitoraggio:
  • fotografie

Modalità di lavoro:

Metodologia didattica

Alla classe divisa in gruppi eterogenei di 5-6 alunni viene presentatala una cartina di immediata comprensione (tuttocittà), e si chiede loro di cercare in essa luoghi conosciuti.

  • Si procede poi alla presentazione della planimetria della zona in cui devono rintracciare la scuola e lo spazio verde

dopo aver individuato i luoghi richiesti si passa allo studio della planimetria.

  • Si discute sulla scelta dello spazio da analizzare, si decide secondo il criterio della vicinanza alla scuola.
  • Si procede a stilare un elenco di caratteristiche da rilevare attraverso schede di indagine.
Organizzazione del lavoro
  • gruppo classe
  • docente di matematica
  • docente di tecnologia
  • docente di sostegno
  • aula
  • laboratorio virtuale
  • spazio verde da esaminare
Strategia didattica
  • tutoriale
  • ludica
  • ...
Tempi
>10 ore

Criteri di valutazione :

  • la trasferibilità della lettura delle mappe in termini pratici di orientamento spaziale.
  • l'acquisizione di competenze linguistiche specifiche.

Accessibilità strumenti / personalizzazione :

Personalizzazione attività per il diversamente abile

Osservazione della planimetria, individuazione di punti di riferimento noti e del percorso da compiere virtualmente per raggiungere la zona stabilita.

Rappresentazione tramite disegno della mappa osservata

Accessibilità strumenti software

Uso della tavoletta grafica per la riproduzione del percorso e della zona scelta e utilizzo di software tipo Acrobat o simili.

Esperienza:

 Visione della piazza dall'aula

Foto panoramica di piazzetta Sciascia a Palermo

Inizialmente  abbiamo studiato la planimetria anche se, purtroppo, questa non è aggiornata e non corrisponde con esattezza a ciò che c’è oggi nell’area da esaminare. Qualcuno, compreso D., ha qualche difficoltà nel riconoscere l’ambiente, ma è aiutato dai compagni a ripercorre il perimetro ideale della villetta che appare come uno spiazzo incolto. Si esamina il percorso per poterlo raggiungere partendo da scuola.

Planimetria di Piazzetta Sciascia
Planimetria


Per ovviare a questo inconveniente “tecnico” si sceglie di utilizzare come riferimento cartaceo il tutto città, sicuramente più attendibile e attuale.
La scelta è azzeccata, infatti i riferimenti più precisi permettono di riprodurre con esattezza le caratteristiche della forma globale e delle diverse aiuole.


Lo spunto della forma della villetta ci permette di fare dei riferimenti alla geometria cosi scegliamo di utilizzare il Cabri per evidenziare le caratteristiche delle varie figure da esaminare.
Qualche difficoltà sui comandi di questo sw ,su come disegnare e spostare gli oggetti geometrici, ma è solo un problema di esercizio e ripetizione, alla fine tutti riescono a portare a termine il compito assegnato.
NOTA CALDA il colore e lo spessore diversificati sono elementi facilitatori e ci si muove con maggiore abilità all’interno del foglio di lavoro.
Altra escamotage è quella di ingrandire le immagini per agevolare la visione delle forme, soprattutto per quelle irregolari e per capirne le caratteristiche.

Contrariamente a quanto ipotizzato, non è stato possibile usare la tavoletta grafica, anche per la differenza tra il numero degli alunni e il numero delle tavolette, ma molti di loro si sono cimentati nella riproduzione della forma della villetta utilizzando paint.

Il risultato non è stato graficamente adeguato, ma abbiamo ottenuto riproduzioni verosimili, seppur proporzionalmente imprecise. l'obiettivo perseguito è stato comonque quello di presentare il sw, il suo utilizzo e le potenzialità.

Per D. che ha un "talento" grafico in più, un ulteriore modo per gratificarlo consentendogli  di esprimere la propria individualità e creatività.

Piantina della piazzetta realizzata con PowerPoint

Riproduzione della piazza esaminata con il programma PowerPoint

Visione diretta e panoramica
Attività principale

Descrizione:

Analisi di uno spazio verde inserito nel quartiere in cui è ubicata la scuola

Gli alunni con i docenti coinvolti si recheranno nello spazio da esaminare e procederanno al rilevamento delle informazioni necessarie allo studio del territorio scelto.

Obiettivi specifici di apprendimento:

  • Osservazione diretta del territorio
  • Osservazione dello stesso su mappa
  • Descrizione
  • Riproduzione

Strumenti e risorse:

Materiale cartaceo
mappe, fotocopie, fogli da disegno, matite, colori....
Personal computer / Periferiche
pc, scanner, stampante
Software
sw tipo data base, satellitare....
PowerPoint
Freemind
Altro
metro, macchina fotografica, videocamera

Documentazione:

  • diario di bordo
  • questionari di monitoraggio: rilevamenti tecnici con l'uso del metro
  • fotografie

Modalità di lavoro:

Metodologia didattica

Attività individuale e in piccolo gruppo con funzione tutoriale

  • Si procede alla visita del luogo individuato e al rilevamento delle misure, all'analisi dei servizi che si trovano nelle vicinanze, alla presenza di attrezzatura e alla loro valutazione.
  • Lungo il percorso segnare la posizione delle strade, dei marciapiedi, degli scivoli, delle aiuole, dei cestini per i rifiuti, dell'illuminazione, delle panchine, dell'impianro idrico, dei negozi adiacenti.
Organizzazione del lavoro

gruppo classe e docenti coinvolti.

Gli alunni divisi in piccoli gruppi, procederanno a rilevare i dati, in particolare D. sfruttando la sua propensione al disegno sarà inserito in un gruppo che si occuperà in maniera specifica della riproduzione dello spazio esaminato, anche con l'uso della tavoletta grafica e il software adatto.

Verde pubblico, aula virtuale

Strategia didattica
  • Tutoriale
  • Ludica
Tempi
5-10 ore

Criteri di valutazione :

  • la trasferibilità della lettura delle mappe in termini pratici di orientamento spaziale.
  • l'acquisizione di competenze linguistiche specifiche e fluidità di espressione.

Accessibilità strumenti / personalizzazione :

Personalizzazione attività per il diversamente abile

L'attività anche in questo caso, in assetto laboratoriale è di tipo tutoriale, D. viene guidato dai compagni tutor a conoscere gli strumenti informatici proposti.

Sono loro che sollecitano e stimolano mediando strategie e facilitando l'acquisizione di abilità e competenze specifiche inerenti gli argomenti trattati e l'elaborazione di tabelle e schemi funzionali ad una lettura veloce.

Accessibilità strumenti software

La scelta dei software ricade su office e in particolar modo su word e power point, per fare le tabelle; si preferisce optare per feemind per le mappe concettuali.

Si utilizza internet per gli approfondimenti, per ricavare immagini sugli argomenti trattati ed eventuali foto satellitari.

Esperienza:

Gli alunni procedono alla misurazione delle aiuole

 Foto degli alunni in piazzetta Sascia

Questo è un momento altamente ludico che spinge molto dal punto di vista motivazionale. I nostri alunni prendono le varie misure delle aiuole, fanno foto. Prendono appunti e disegnano schizzi.

Foto delle panchine e del giardiniere della piazzetta

Si prende nota delle strutture esistenti ( panchine, sistemi di irrigazione)


Gli alunni guidati dai docenti acquisiscono informazioni legate alla vegetazione, all'illuninazione, e rilevano dati circa il numero delle panchine, i supporti idrici, la presenza di cestini per rifiuti e per cani, la vivibilità, la rumorosità.

Foto contenitore dei rifiuti biologici

Si individuano le strutture per i rifiuti anche organici

Vengono intervistati sia gli addetti alla manutenzione, sia passanti che habitué del luogo, fra cui alcuni anziani che ne hanno fatto il loro circolo personale intavolando partite a carte.

Foto tavolo con carte da gioco

Fruitori dello spazio esaminato

Da queste interviste si trae lo spunto per i riferimenti storici del luogo stesso e si è stimolati a fare ulterori ricerche sul personaggio cui è intitolata la piazza.

Foto di Leonardo Sciascia

Leonardo Sciascia

In assetto laboratoriale, tutte le informazioni vengono confrontate e sistematizzate in schemi e tabelle sulla base di un questionario elaborato dagli stessi alunni sulla "vivibilità" della villetta.

Si sfrutta internet per acquisire informazioni varie, stimolamte è sicuramente la ricerca di immagini appropriate funzionali ad una lettura immediata, come la tabella fatta di sole immagini, da cui si deducono le varie forme di inquinamento, così come altre informazioni.

Affascinante la visione satellitare, con la possibilità virtuale di segure il percorso e inscrivere nel quartiere la villetta esaminata.

Foto satellitare della villetta

 Vista della villetta con google

CLASSIFICAZIONE DELLE PIANTE
PIANTE REGNO DIVISIONE CLASSE SOTTOCLASSE ORDINE FAMIGLIA GENERE

Falso pepe

Plantae Magnoliophyta Magnoliopsida Rosidae Sapindales Anacardiaceae Schinus
Banano Plantae Magnoliophyta Liliopsida - Zingiberales Musaceae Musa
Palma nana Plantae Magnoliophyta Liliopsida - Arecales Arecaceae Chamaerops
analizzo
Attività principale

Descrizione:

Descrivere le principali problematiche legate all'ambiente e all'inquinamento

  • raccogliere i dati,
  • analizzarli,
  • tabulalarli secondo criteri stabiliti.

Obiettivi specifici di apprendimento:

  • Raccogliere dati secondo criteri
  • Sapere leggere i dati raccolti
  • Rappresentarli graficamente

Strumenti e risorse:

Materiale cartaceo
Schede di rilevamento
Personal computer / Periferiche
Pc, stampanti
Software

Pacchetto Office, sw didattico "freemind"

Altro
interviste

Documentazione:

  • questionari di monitoraggio:
  • fotografie
  • video
  • altri prodotti:
    • Fascicolo col materiale prodotto
    • Schede di rilevamento
    • Scheda personale con le fasi principali del lavoro
    • Articolo - Io Ecogiornalista
    • Data base

Modalità di lavoro:

Metodologia didattica

Il gruppo classe si recherà ancora una volta nello spazio "adottato". Dopo che ciascuno avrà compilato la scheda di rilevamento, a piccoli gruppi intervisteranno alcuni passanti formulando domande già predisposte sulla funzionalità dell'area in esame.

In classe, gli alunni con l'aiuto degli insegnanti, raccoglieranno le informazioni analizzando sia i questionari che le interviste e costruiranno un data base sulle caratteristiche emerse.

A seguito dell'individuazione di queste ultime si struttureranno attività sperimentali funzionali a verificare: inquinamento - acustico, atmosferico -; e attività di ricerca multimediale per approfondire le conoscenze e le competenze di botanica, riportandole in assetto laboratoriale attraverso esperimenti specifici.

In questa fase del percorso gli alunni saranno organizzati in gruppi verticali in modo tale da consentire lo sviluppo in senso longitudinale tenendo conto delle differenze individuali.

Organizzazione del lavoro

alunni, docenti coinvolti, passanti.

area verde, aula, laboratorio

Strategia didattica

tutoriale

ludica

Tempi
>10 ore

Criteri di valutazione :

Sono riconducibili alle abilità del saper fare secondo la raccolta dei dati, la lore lettura interpretazione e rappresentazione.

Accessibilità strumenti / personalizzazione :

Personalizzazione attività per il diversamente abile

in questa fase l'alunno interagisce col gruppo classe e, seguito da un tutor partecipa alla raccolta dei dati significativi e alle esperienze proposte

Accessibilità strumenti software

Impara ad usare le tabelle di word a costruire delle slide con tabelle e grafici

Esperienza:


Dalla nostra aula


Ci rechiamo ancora una volta nella villetta, gli alunni sono divisi in piccoli gruppi ad ognuno dei quali è affidato un compito, la fase più entusiasmante si rivela, come previso,  quella delle interviste poichè coinvolge i nostri piccoli giornalisti i fotoreporter la gente che si trova a passare nei vialetti. Vengono formulate le domande trascritte tutte le risposte. alcuni si occupano di fare fotografie e immortalare la stato ambientale per discuterne successivamente.

 Si individua lo stato di mantenimento e l'eventuale degrado

 

In classe vengono riportati tutti i dati significativi e tabulati secondo criteri scelti dagli stessi alunni.


 


Pulizia
Sono presenti rifiuti abbondanti (carte, lattine, bottiglie) nessuno pochi molti
Sono presenti rifiuti pericolosi nessuno pochi molti
Sono presenti escrementi e animali nessuno pochi molti


 


Strutture
All'interno dell'area ci sono:    
Illuminazioni nessuno pochi molti
Panchine nessuno pochi molti
Cestini nessuno pochi molti
Attrezzature per i giochi nessuno pochi molti
Fontane nessuno pochi molti
Cartellini con i nomi degli alberi nessuno pochi molti
Cartellini che specificano i divieti nessuno pochi molti
altro nessuno pochi molti


Recinzione
E' presente SI NO  
Qual è il suo stato di conservazione CATTIVO MEDIO BUONO


Accessibilità
Le strade che conducono alla zona verde sono Asfaltate non asfaltate con marciapiede
E' raggiungibile per tutti SI NO  


 


Percorribilità
All'interno del verde vi sono strade tracciate no poche molte
Le strade interne sono percorse da biciclette o mezzi motorizzati mai qualche volta sempre


Rumorosità
Si percepiscono solo suoni naturali (fruscio di foglie, cinguettio di uccelli, scorrere dell'acqua, voci...) SI NO  
SE SI PERCEPISCONO ALTRI SUONI SPECIFICARE QUALI      
       
traffico urbano lieve moderato intenso
clacson di auto mai qualche volta sempre
motori di aerei mai qualche volta sempre
stereo ad alto volume mai qualche volta sempre
strumenti di lavoro molto rumorosi mai qualche volta sempre
grida umane mai qualche volta sempre
abbaiare di cani mai qualche volta sempre
altro mai
qualche volta sempre

Sicurezza
C'è qualche forma di vigilanza SI
NO
Ci sono cani senza guinzaglio    
Ci sono oggetti pericolosi    
Ci sono segni di vandalismo    

  DISTRIBUZIONE ED ESTENZIONE DEL VERDE

a) la superficie è coperta da: erba ben tenuta
erba incolta
arbusti
alberi
asfalto, lastricato, ghiaia….

b) C’è terreno libero intorno ad ogni albero?             poco      sufficiente    molto (Attenzione la valutazione dipende da ogni tipo di albero)

c)gli alberi sono:       isolati     a gruppi     a filari

d) C’è una presenza continua di alberi e/o arbusti lungo il perimetro esterno
                                                    SI                                      NO

 

 

TRACCE DELLA PRESENZA UMANA
a) Per terra si trovano:
rami spezzati           
nessuno   pochi    molti
segni di fuochi  nessuno                                pochi molti
erba calpestata                                                         nessuno pochi  molti
piccole discariche di rifiuti                                       nessuno pochi molti
b) Sul tronco noti:
segni di colpi ricevuti da auto o moto                                   
nessuno   pochi molti
strappi, incisioni, chiodi nella corteccia                                nessuno  pochi  molti 
c) Sulla chioma osservi:
fili intrappolati fra i rami                                            
nessuno               pochi   molti
segni di una potature sbagliata                                            
nessuno pochi    molti
rami spezzati                                                                                nessuno  pochi molti
nidi di uccelli o altri elementi positivi                                       nessuno pochi molti

    

Rilevazione della vivibilità
Fonti di rumore Danno... non solo per l'udito

Missile

Mitragliatrice

Aereo (jet)

Cannone

Gravi danni all'udito

Lesioni irreversibili

Martello pneumatico

Concerto rock

Discoteche

Clacson forti

Moto

Treno

Auto a forte velocità

Strada trafficata

Disturbi vari: affaticamento, mal di testa, senso di nausea, possibile sordità temporanea

Sveglia

Telefono

Televisore ad alto volume

Discussione animata

Strada non trafficata

Sansazione di fastidio, irrequietezza, possibili disturbi al sonno

Voce umana non urlata

Fruscio delle foglie

Quiete: nessun danno o fastidio

Si procede, quindi, a fare alcuni esperimenti funzionali a verificare lo stato di inquinamento, anche in questo caso si organizzano delle tabelle adatte alla raccolta dei dati.

Nel nostro caso le immagini fanno da stimolo evocativo per potere raccontare l'esperienza in tutti i suoi particolari

 Analisi di alcune sostanze per verificare con la cartina tornasole l'acidità e la basicità

NUMERO DI PROVETTA CONTENUTO COLORE INDICATORE SOLUZIONE ACIDA SOLUZIONE BASICA SOLUZIONE NEUTRA
1 LATTE        
2 OLIO        
3 SAPONE LIQUIDO        
4 CANDEGINA        
5  VINO        
6 CAFFE'        

INQUINAMENTO DELL'ARIA
FONTI DI INQUINAMENTO BIOSSIDO DI ZOLFO 1000% T\ANNO OSSIDO DI AZZOTO POLVERI SOSPESE MONOSSIDO DI CARBONIO IDROCARBURI
AGRICOLTURA 22\1,1 75\4,7 28\6,9 148\2.7 41\5,3
TRASPORTI 84\4,0 809\51.6 231\56.0 5048\90.6 668\87.0
INDUSTRIA 616\29.7 189\12.0 49\12.0 87\1.6 8\1.0
RISCALDAMENTO 153\7.4 69\4.4 48\11.5 261\4.7 44\5.8

CENTRALI

TERMOELETTRICHE

1199\57.8 428\27.3 56\13.6 26\0.4 7\0.9
TOTALE EMISSIONI 2074 100% 1570\100% 412\100% 5570\100% 768\100%

 

 Gli alunni hanno esaminato il grado di acidità e basicità di alcuni elementi comuni per misurare, successivamente, lo stato di inquinamento dell'acqua piovana.

 Alunni sperimentano  il grado di acidità e basicità delle sostanze

 

Raccolta dell'acqua piovana

Dall'analisi dei risultati il tasso di inquinamento si è rivelato inferiore alle aspettative, infatti, l'acqua è risultata leggermente acida.

 

INQUINAMENTO ACUSTICO
200 DECIBEL RUMORE CHE PROVOCA LESIONE(MISSILE SPAZIALE)
100-200 RUMORE CHE PROVOCA DOLORE(AEREO)
100 RUMORE FORTISSIMO(CLACSON,MARTELLO PNEUMATICO)
90 RUMORE MOLTO FORTE(MOTO,TORNIO AUTOMATICO)
70 RUMORE FORTE(TV O RADIO AD ALTO VOLUME,TRAFFICO)
40-60 RUMORE MEDIO(CONVERSAZIONE,TELEVISIONE O RADIO A MEDIO VOLUME)
30 RUMORE DEBBOLE(INTERNO DI ABITAZIONE)
20 RUMORE MOLTO DEBOLE(VOCE SUSSURRATA)
10 RUMORE DEBOLISSIMO(STORMIRE DI FRONDE)

creazione mappe
Attività principale

Descrizione:

  • Rappresenrazione grafica delle conoscenze.
  • Creazione di mappe concettuali riassuntive delle attività svolte

Obiettivi specifici di apprendimento:

  • Sviluppare idee e concetti.
  • Creare mappe di idee.
  • Organizzare il pensiero sulla base delle conoscenze
  • Inserire nuovi concetti nella propria struttura di conoscenza.
  • Fissare le conoscenze apprese nella memoria a lungo termine.
  • Acquisire abilità nell'uso del sofrware

Strumenti e risorse:

Personal computer / Periferiche
pc, stampante
Software
inspiration trial, Freemind

Documentazione:

  • diario di bordo
  • software

Modalità di lavoro:

Metodologia didattica

Si procederà in un primo momento all'individuazione di parole chiave funzionali ad esprimere in termini semplici gli argomenti esaminati.

Si riprodurranno su carta delle mappe sintetiche per argomento.

Si acquisirà competenza nell'uso del software scelto.

Si costruiranno col sw mappe rappresentative dei diversi argomenti elaborati.

Lavoro a piccoli gruppi 5/7 alunni in assetto laboratoriale.

A gruppi di 2 per pc nell'aula virtuale

Organizzazione del lavoro
Docenti coinvolti, gruppoclasse, aula multimediale
Strategia didattica
Turoriale messa in atto sia dai docenti che dagli alunni più esperti.
Tempi
>10 ore

Criteri di valutazione :

  • Miglioramento globale dell’apprendimento
  • Abilità nel mostrare interconnessioni delle idee da diversi punti di vista.
  • Miglioramento della capacità di soluzione dei problemi.
  • Comprensione del materiale rappresentato nella mappa, anche in senso critico.

Accessibilità strumenti / personalizzazione :

Personalizzazione attività per il diversamente abile

In questo caso D. sarà guidato nell'elaborazione di mappe cognitive inizialmente secondo un percorso lineare, successivamente nell'individuazione delle inferenze tra due concetti non direttamente connessi, trovando e licitando i punti nodali.

Accessibilità strumenti software

Il software individuato sarà funzionale a fornire una rappresentazione spaziale dei contenuti, aiutando l'alunno alla loro comprensione e memorizzazione.

Esperienza:

Per procedere in questo lavoro, bisogna avere un'idea globale dell'attività  e per gli alunni con carenze nella memoria a breve e a lungo termine non è facile. Ci serviamo del lavoro precedentemente svolto che viene assemblato in successione cronologica, le tabelle già prodotte sono utili a sintetizzare l'argomento, così, si sceglie di procedere progressivamente secondo il criterio temporale e si articolano le mappe inizialmente su cartaceo.

In assetto laboratoriale si studia il software scelto, in questo caso freemind, la difficoltà della lingua è un ostacolo anche se il sw è piuttosto intuitivo e tutti gli alunni dopo avere smanettato un poco sono in grado di riprodurre mappe più o meno elaborate.

Scopriamo che oltre all'apetto grafico è possibile inserire quello iconico e per noi questo è un grande vantaggio poichè semplifica molto la lettura della mappa stessa.

 

 

 

 

D. guidato da un compagno tutor, si esercita nell'uso del software, impara a costruire i nodi e a modificarne il colore.

La scelta di utilizzare le mappe per la difficoltà specifica di lettoscrittura è funzionale all'acquisizione dei contenuti e alla metariflessione sul percorso. A tale fine, infatti, l'uso dei nodi colorati diversamente serve a differenziare gli argomenti e consentire l'esposizione dell' argomento trattato dai diversi punti di vista: ambientale, letterario, chimico.


 

Per consenti  a tutti gli alunni di acquisire padronanza con il software Freemind abbiamo utilizzato più tempo del previsto, conseguentemente si è scelto di non utilizzare il SW Ispiration Trial anche se è stato presentato e ha suscitato l'entusiasmo degli alunni per la varietà di immagini. Il suo utilizzo avrebbe richiesto un ulteriore lasso di tempo non disponibile.

 

esposizione lavori
Attività principale

Descrizione:

Si riprendono tutti i lavori fatti e si discute sulle diverse modalità di esposizione e divulgazione.

Verrano mediate proposte di cartelloni, articoli sul giornalino della scuola, sul quotidiano locale, cd e compatibilmente con i tempi scolastici un plastico della piazza "riveduto" dai ragazzi.

Obiettivi specifici di apprendimento:

  • Adottare comportamenti corretti, controllare l'impulsività.
  • Esporre in modo organizzato.

Strumenti e risorse:

Materiale cartaceo
cartelloni, colori
Personal computer / Periferiche

pc

Software

power point

Altro
fotografie

Documentazione:

  • questionari di monitoraggio:
  • altri prodotti:
    • fascicolo con tutto il materiale raccolto
    • cartelloni,
    • articoli,
    • cd,
    • plastico.

Modalità di lavoro:

Metodologia didattica

Lavoro a piccoli gruppi 5/7 alunni in assetto laboratoriale.

A gruppi di 2 per pc nell'aula virtuale

Organizzazione del lavoro

docente di matematica, di tecnologia, di sostegno

laboratorio

aula virtuale

Strategia didattica
tutoriale
Tempi
5-10 ore

Criteri di valutazione :

  • La congruenza con le discipline inerenti l'area tecnico-scientifico.
  • L'originalità, il rigore metodologico e i risvolti applicativi che trovano anche eco esperenziale nalla vita quotidiana.
  • La continuità temporale della produttività in relazione alla conoscenze tecniche e scientifiche.
  • L'apporto individuale negli assetti cooperativi, valutabili, anche nella produzione scientifica e relazionale.
  • La valenza informativa dell'esperienza in termini di circolarità nella scuola di appartenenza e all'esterno.

Accessibilità strumenti / personalizzazione :

Personalizzazione attività per il diversamente abile

In questo caso la personalizzazione consite nell'assemblare il lavoro svolto da D. partendo dall'argomento che lo ha interessato maggiormente e quindi, più significativo per lui.

Accessibilità strumenti software

Il software scelto è funzionale alla nostra esperienza e si adegua alle capacità e competenze dell'alunno, si sceglierà di dare solo alcune informazioni basilari utili all'autonomia di lavoro.

Esperienza:

Anche in questo caso l'attività preliminare è quella dello studio del software scelto, quindi si procede, a piccoli gruppi di tre alunni a pc, all'elaborazione di presentazioni diverse secondo gli argomenti trattati. Ogni gruppo sceglie autonomamente lo stile più appropriato, lo sfondo più significativo, preleva immagini dai diversi siti, alcuni inseriscono commenti o sottofondi musicali oppure rumori (come nel caso dell'inquinamento acustico). Tutti i lavori sono unici e personali esprimono oltre le conoscenze acquisite, l'individualità e le loro stesse emozioni, ne rivelano la piena partecipazione attiva e la grande collaborazione che ha consentito indipendentemente dalle potenzialità di vivere un'esperienza significativa e formativa spendibile in qualunque ambito.

Di seguito sono riportate le immagini di alcune slide elaborate dai nostri alunni....

 Piantina della piazza e dintorni

 

Diagramma dei fattori considerati: pulizia, struttura, accessibilità, percorribilità, rumorosità e sicurezza.

Foto di alcune delle piante presenti

Diagramma su alcune delle diverse fonti di inquinamento: aria , acqua, suolo e acustico

Immagine con la definizione di inquinamento